NEI DINTORNI

SUTRIO

 

A un paio di chilometri da Cercivento, scendendo verso Tolmezzo, troviamo uno dei borghi più caratteristici della valle del But. Il paese vanta un'antica tradizione di lavorazione del legno: lungo le vie lastricate del paese è possibile ammirare diverse statue realizzate dagli artigiani locali. Particolarmente interessante, nel centro del paese, è il "Presepe di Teno" (visitabile tutto l'anno): la riproduzione della Natività è ambientata in un paesaggio carnico, tutte le statuine sono realizzate in legno, frutto del trentennale lavoro dell'artigiano Gaudenzio Straulino. Da Sutrio parte una delle strade che portano al Monte Zoncolan, che con le sue pendenze mette alla prova le capacità di ciclisti provenienti da tutta l'Europa.

 

RAVASCLETTO

 

Da Cercivento di Sopra, proseguendo lungo la strada che porta a Sella Valcalda, si arriva in pochi minuti a Ravascletto. Il paese, situato a quasi 1000 m. s.l.m., è una nota stazione turistica estiva e soprattutto invernale, dal momento che da qui parte la moderna funivia per il Monte Zoncolan, il maggiore polo sciistico della regione con i suoi 28 km di piste. In estate la località è un'ideale base di partenza per escursioni e passeggiate, su tutte quelle che portano verso la cosiddetta "Panoramica delle Vette" (una strada pianeggiante in alta quota, lunga quasi 5 km, accessibile anche dalla vicina Tualis) e al Monte Crostis.

 

TIMAU

 

Questa frazione del comune di Paluzza è l'ultimo paese in territorio italiano, lungo la strada che porta verso Passo Monte Croce Carnico. Il nome del borgo è legato strettamente ai fatti della Grande Guerra: da qui infatti partono diversi sentieri, percorsi dai soldati e dalle portatrici carniche, che portano alla linea di confine dei monti Pal Piccolo - Pal Grande - Freikofel, dove sono state recuperate e ristrutturate trincee e fortificazioni (tanto in territorio italiano quanto in quello austriaco) per tenere viva la memoria di quei tragici giorni. Nel paese è possibile inoltre visitare un interessante museo sul tema della Grande Guerra e il Tempio Ossario.

 

ARTA TERME / ZUGLIO

 

A una decina di minuti da Cercivento, scendendo verso Tolmezzo, si arriva ad Arta Terme: il locale stabilimento termale, frequentato alla fine del XIX sec. dal poeta Giosuè Carducci, è un centro all'avanguardia per il trattamento di patologie respiratorie; recentemente è stata aperta anche un'articolata area wellness. A un chilometro di distanza troviamo Zuglio, importante Foro Romano (Iulium Carnicum) lungo la Via Julia Augusta: in paese è d'obbligo la visita al Civico Museo Archeologico e agli scavi. Domina i due paesi, eretta su un colle molto panoramico, l'antica Pieve di San Pietro: l'attuale edificio risale al 1312 ma si hanno menzioni della chiesa già all'inizio del IX sec. 

I campi con * sono obbligatori.

Ai sensi dell'art 13 D.lgs. 196/2003.
Dichiaro di aver preso visione delle condizioni generali della privacy
Illegio Fondazione CRUP SECAB Facebook YouTube Privacy

Cookie Policy

Credits